La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Asti-Cuneo il ministero dei beni culturali dice no

A confermarlo un tweet del ministro Matteo Salvini

La Guida - Asti-Cuneo il ministero dei beni culturali dice no

Cuneo – Si attendeva solo più il via dal ministero dei beni culturali, oggi in mano al meloniano Gennaro Sangiuliano, per l’ultimo tratto dell’Asti-Cuneo. Ma il sì non è arrivato. Lo ha confermato il ministro delle infrastrutture Matteo Salvini in una dichiarazione ripresa su Twitter dal portale Politics Ultimora. Scrive Salvbini: Sulla realizzazione della Asti-Cuneo il sovrintendente ha detto no. Questa mattina mi sono imbufalito”. È così è di nuovo tutto fermo.

Ad accorgersi per primi dello stop sono stati i deputati di Azione-Italia Viva, Enrico Costa e Luigi Marattin che scrivono: “Apprendiamo dell’ennesimo stop al completamento dell’Asti-Cuneo. Stavolta però lo stop arriva da un governo i cui esponenti, per anni avevano promesso di battersi contro i diktat dell’ambientalismo ideologico, contro lo strapotere delle Soprintendenze, contro i ritardi della burocrazia. Oltre a sottolineare l’incoerenza dei vari Salvini, Sangiuliano e Meloni ci chiediamo che cosa accidenti serva in Italia per completare un’infrastruttura essenziale e strategica”.
Poi è ritornato anche il cosnigliere regionale albese del Pd Maurizio Marello che nel corso della seduta del consiglio regionale di oggi pomeriggio, martedì 7 febbraio,  ha chiesto un’audizione urgente del presidente Alberto Cirio e dell’assessore alle Infrastrutture e ai Trasporti Marco Gabusi o alla Giunta in assenza degli stessi.
“Forse la Giunta è stata eccessivamente ottimista nel considerare ormai cosa fatta la realizzazione del Lotto II 6 A dell’Asti- Cuneo, il cui iter invece è stato bloccato all’ultimo step dal Ministero della Cultura. Non più tardi di due settimane fa l’assessore Gabusi rassicurava sulle tempistiche di un’infrastruttura di importanza fondamentale per la provincia di Cuneo e per il Piemonte. Oggi tutto viene rimesso in discussione, dunque chiedo delucidazioni alla Giunta. Abbiamo bisogno di conoscere i motivi del parere negativo che riguarda la parte del lotto tra Verduno e Cherasco dove al posto del tunnel sotto collinare il nuovo progetto ha previsto il passaggio in superficie con relativi viadotti”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente