La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La protezione delle reti contro il pericolo grandine

I temporali possono essere fatali per le colture, occorre prevenire i danni con l’installazione di semplici strutture

La Guida - La protezione delle reti contro il pericolo grandine

Cuneo – I temporali estivi costituiscono una vera e propria piaga per chi ha delle colture da difendere dalla grandine. Si tratta di una precipitazione atmosferica formata da tanti pezzi di ghiaccio (chiamati comunemente “chicchi di grandine”), generalmente sferici o sferoidali, che cadono dalle nubi cumuliformi più imponenti, i cumulonembi. Il loro precipitare può rivelarsi fatale per tutti i tipi di coltura: frutteti, piante ornamentali e ortaggi. 

Fortunatamente, sono state inventate delle particolari protezioni costituite da reti che fanno da schermatura tra le colture e la grandine.

Gli impianti di protezione antigrandine sono ormai diventati uno strumento indispensabile per la salvaguardia e la produzione. Ad esempio, un frutteto protetto da reti antigrandine assicura costanza dell’offerta, sia qualitativa che quantitativa, e quindi il mantenimento degli standard e delle quote di mercato acquisite. Avere la garanzia di disporre sempre del prodotto è una necessità non solo per quelle aziende che raggiungono direttamente il consumatore, ma anche per quelle attività che riforniscono le cooperative. 

Nonostante il costo di un impianto antigrandine sia rilevante, risulta chiaro che sia ormai diventato un dispositivo essenziale per le aziende interessate.

A seconda della grandezza del terreno da proteggere, esistono due tipologie di reti antigrandine.

– Rete con struttura a ombrello: si tratta di una rete ideale per terreni di piccole dimensioni, come gli orticelli privati. È costituita da un solo palo posto al centro a sostegno di tutta quanta la rete, oppure 3/4 pali posti ai lati.

– Rete con struttura a tunnel: se le piante sono sistemate su una superficie molto ampia è consigliata questa tipologia di struttura con 4 o 6 paletti eretti a cui sono fissati dei pali di forma semicircolare che sosterranno la rete.

L’installazione di una rete antigrandine, per quanto relativamente semplice, comporta alcune criticità a cui prestare attenzione. Innanzitutto, durante il montaggio le reti vanno ben stese, cercando di evitare la formazione di saccature che potrebbero causare quasi più danni della grandine stessa. Altra accortezza essenziale è l’utilizzo di reti ispessite sui lati, in modo che l’installazione risulti più agevole. 

Si potrebbe pensare che una rete antigrandine comporti problemi di eccessivo ombreggiamento alle colture, ma vengono vendute delle particolari reti di colore bianco, dette anche “trasparenti”, che limitano le ombre che si vanno a creare. A ogni modo, le reti antigrandine non costituiscono un problema sotto questo aspetto, anzi, in certe località potrebbero addirittura aiutare a limitare l’eccessiva luce intensa.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente